I Nostri Condomini

Normativa

L'interruzione dell'acqua in caso di morosità configura una pratica commerciale sleale

La sentenza del Tribunale amministrativo in epigrafe ha confermato integralmente le conclusioni a cui era giunta l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in ordine al carattere scorretto di un comportamento tenuto da un erogatore del servizio idrico che aveva interrotto la fornitura, all’intero condominio, per una situazione di morosità, senza informare preventivamente agli utenti finali sulla possibilità di regolarizzare tempestivamente le rispettive posizioni (provvedimento n. 19618 del 2009). L’Autorithy, nel provvedimento sanzionatorio, aveva rilevato che, pur essendo il rapporto contrattuale stato instaurato nei confronti del condominio, i casi di morosità riguardavano, in modo prevalente, i singoli condomini qualificati “titolari formali del rapporto di somministrazione di acqua”.

Il Tribunale, richiamando il noto orientamento giurisprudenziale secondo cui: “in presenza di un condominio, ente di gestione sfornito di personalità giuridica distinta da quella dei suoi partecipanti, i condomini devono essere considerati "consumatori", in quanto persone fisiche operanti per scopi estranei ad attività imprenditoriale o professionale” specifica che è in relazione ai singoli condomini: “che deve essere rapportata (e quindi valutata) la diligenza del professionista e la sua condotta; così come, se occorre giungere ad una decisione drastica, ancorchè legittima in presenza di morosità, quale quella della cessazione dell'erogazione dell'acqua, è ai consumatori/condomini che occorre fare riferimento (quanto alla corretta e completa informazione in ordine alle loro libere e consapevoli determinazioni)”. Il Tribunale amministrativo prosegue il proprio percorso argomentativo rilevando che: “oggetto della controversia è un deficit informativo in ordine alla cessazione (per morosità) della fornitura del bene idrico.

Si tratta, dunque, innanzi tutto di un bene essenziale per l'esistenza dell'individuo, la cui mancanza incide direttamente sull'esercizio dei diritti della persona costituzionalmente garantiti, e di un settore nel quale il professionista opera in condizioni di sostanziale monopolio. Di modo che la commercializzazione del bene (e le pratiche a ciò connesse), la legittima ricerca di un profitto nello svolgimento dell'attività ed i rapporti tra erogatore del servizio e consumatori devono essere necessariamente contestualizzati (ed in tal senso ricostruiti e valutati) alla luce della natura primaria ed essenziale del bene acqua”.

La sentenza del Tar Lazio, dunque, respinge integralmente il ricorso della società sottolineando che non è in discussione il diritto della società di adottare tutte le misure necessarie per recuperare i propri crediti e di sospendere la fornitura in caso di morosità accertata. Tuttavia, la cessazione dell’erogazione deve considerarsi una extrema ratio e deve necessariamente essere preceduta da misure di informazione preventiva dei singoli utenti del servizio in ordine alla possibilità che la situazione di mancato pagamento delle bollette potrebbe determinare l’interruzione del servizio quale forma di autotutela della società.

Normativa

Il recupero crediti «bussa» prima ai condomini morosi

Per chi deve recuperare un credito nei confronti di un condominio si pongono da sempre diversi problemi, che la giurisprudenza, prima, e la recente legge di riforma 220/2012, poi, hanno tentato di risolvere non sempre con grande successo. Il primo intervento legislativo che ha tentato di mettere ordine nella materia risale proprio alla recentissima legge di riforma del diritto condominiale, con la nuova versione dell'articolo 63 delle disposizioni attuative del Codice civile.

Nel lunghissimo periodo di vuoto legislativo, ci si è pertanto affidati agli insegnamenti della Cassazione, che ha dapprima introdotto di fatto il sistema della solidarietà del debito, in base al quale qualunque condomino poteva essere aggredito dai creditori per l'intero debito condominiale, salvo poi (con la sentenza 9148/2008) ripiegare sul criterio della parziarietà: con la conseguenza che i condomini potevano essere chiamati a rispondere del debito condominiale solo pro quota. Con il nuovo articolo 63 delle disposizioni attuative del Codice civile c'è, la prima volta, una parvenza di disciplina per il "recupero crediti" nei confronti dei condomini. In sostanza, l'articolo 63 ha stabilito il divieto, per il terzo creditore, di agire contro i condomini in regola con i pagamenti (delle spese condominiali) se non dopo aver inutilmente escusso quelli morosi, il cui elenco dovrà essergli fornito dallo stesso amministratore.

Neppure una parola, tuttavia, è stata spesa per stabilire se potrà essere richiesto, al singolo condomino, l'intero credito reclamato dal terzo o solo la propria quota proporzionale. Il decreto Destinazione Italia e la legge di stabilità hanno corretto alcune norme della legge 220/2012 che si erano subito rilevate di difficile applicazione, ma non hanno modificato l'articolo 63 delle disposizioni attuative.

Al momento, quindi, l'unica cosa certa è che il terzo creditore debba munirsi di un titolo esecutivo nei confronti del condominio, notificarlo (così come già avveniva prima della legga di riforma) all'amministratore dello stabile, per poi richiedere a quest'ultimo l'elenco dei condomini inadempienti verso il pagamento delle spese condominiali. Fatto questo, cominciano le criticità: cosa fare se l'amministratore non fornisce l'elenco richiesto, come agire (per l'intero credito o solo pro quota) nei confronti dei singoli condomini? Su questi punti l'articolo 63 non dice nulla. Al momento, pertanto, appaiono possibili (da parte del legale del creditore) due strade: o rivolgersi al Tribunale perché ordini all'amministratore di fornire l'elenco, o procurarsi in qualche modo l'elenco dei condomini e notificare a ognuno di essi un atto di precetto.

Qualora, viceversa, l'amministratore risponda e fornisca al creditore il nome dei condomini morosi, al terzo non resterà che individuarne uno al quale notificare l'atto di precetto, intimandogli il pagamento dell'intero credito dovuto dal condominio. Pur nel silenzio legislativo, si deve ritenere che la legge 220/2012 abbia reintrodotto il criterio della solidarietà del debito.

Al singolo condomino non andrà viceversa notificato (sebbene vi siano alcune sentenze che affermano il contrario) il titolo esecutivo già notificato all'amministratore: questo in quanto il condominio è soggetto privo di personalità giuridica.

Alla notifica dell'atto di precetto, che è un ultimo avviso al debitore che si intende procedere in via esecutiva nei suoi confronti, dovrà poi seguire la richiesta di pignoramento sul bene (normalmente l'alloggio, ma si possono anche escutere beni mobili o crediti del pignorato verso terzi) del condomino prescelto. Solo una volta (inutilmente) effettuate le esecuzioni nei confronti dei condomini morosi, infine, il creditore potrà poi agire (sempre per l'intero credito) aggredendo i beni dei condomini in regola con i pagamenti

Fonte: sole24ore

Il nostro ufficio

  • Studio Malaguti & Polo sas

    Malaguti & Polo è uno studio di amministrazione condominiale che gestisce immobili nell'area di Treviso, Venezia e Belluno da oltre 40 anni.

    Ci occupiamo prevalentemente di amministrazione di fabbricati e condomini sia relativamente alle gestioni ordinaria che eventuali gestioni di lavori straordinari di riqualificazione dell'immobile.

    Il settore di agenzia immobiliare si occupa di intermediazione nella compravendita di immobili e affittanze in tutto il territorio della marca gioiosa e dintorni.

  • Flickr Gallery

    • buon_natale_inve
    • studio365_fatevi_trovare_2
    • condominio365_advert_mail_2
    • ripartoig_software_box
    • fiscoig_software_box
    • planig_software_box
    • buona_pasqua
    • inve_consulting
  • Twitter